Piani di incentivazione all’esodo: una soluzione al divieto di licenziamento?

Incentivi all'esodo
Incentivi all'esodo

Mentre si discute sulla portata del divieto di licenziamento ridefinita ed estesa temporalmente, rischia di passare in secondo piano un’opportunità di gestione non traumatica degli esuberi offerta dall’art. 14, comma 3, del decreto Agosto: gli accordi collettivi di risoluzione consensuale, conosciuti come piani di incentivazione all’esodo. Questa soluzione acquista, oggi, un interesse rinnovato proprio nel contesto di divieto generale di licenziamento per almeno tre buoni motivi. Quali? E poi, nonostante le buone argomentazioni giuridiche a sostegno della possibilità di licenziare i lavoratori quando l’esubero non derivi dall’emergenza epidemiologica, è facile prevedere che nessun datore di lavoro sarà disponibile ad affrontare il rischio del contenzioso che potrà scaturire dai licenziamenti intimati prima del 31 dicembre 2020.

Segue Articolo: Ipsoa.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi